Autore

Anna Benevente

Director of Labeling, Ingredient and Product Review

Requisiti di etichettatura alimentare FDA per gli additivi

Lug 1, 2022

Gli additivi alimentari sono un’inclusione comune negli alimenti distribuiti negli Stati Uniti. I produttori alimentari spesso dipendono dagli additivi per migliorare i loro prodotti alimentari in vari modi. Questi additivi possono essere utilizzati per raggiungere scopi estetici o possono essere funzionali, preservando la qualità del prodotto o rendendolo più sicuro da consumare. La Food and Drug Administration (FDA) statunitense regola gli additivi negli alimenti in base all’identità dell’additivo e al suo uso previsto, compresa la definizione e l’applicazione dei requisiti di etichettatura.

In generale, la FDA richiede che tutti gli ingredienti di un prodotto alimentare siano elencati sull’etichetta del prodotto in ordine dalla quantità massima alla quantità minima. Insieme a questa stipula, alcuni additivi sono soggetti ad altri requisiti di etichettatura, mentre altri rimangono esenti.

Ottenere assistenza per la conformità FDA.

Gli specialisti normativi di Registrar Corp possono aiutarti a rivedere l’etichetta del tuo prodotto per verificarne la conformità alla FDA.

Per ulteriori informazioni, chiamaci al numero +1-757-224-0177, inviaci un’e-mail al numero info@registrarcorp.como chatta con un Consulente normativo 24 ore su 24 all’indirizzo www.registrarcorp.com/livechat.

Ottenete assistenza

Ulteriori informazioni per scoprire quali requisiti di etichettatura si applicano ai diversi additivi.

Additivi diretti

Quando una struttura alimentare incorpora un additivo in un prodotto alimentare per raggiungere un determinato scopo, la sostanza è un additivo diretto. Ad esempio, il carragenina viene spesso utilizzato in prodotti come latte di mandorle, formaggio cottage, gelato, creme da caffè e formaggio vegano per vari scopi.

A volte un additivo diretto può fungere da conservante per mantenere o migliorare la sicurezza e la freschezza. Poiché un prodotto potrebbe rapidamente deteriorarsi a causa di muffa, aria, batteri, funghi o lieviti, i conservanti rallentano il deterioramento e aiutano a controllare la contaminazione che può causare malattie di origine alimentare. Un impianto alimentare che produce latticini potrebbe aggiungere carragenina ai propri prodotti come conservante.

Vengono inoltre aggiunti additivi diretti per migliorare il gusto, la consistenza e l’aspetto degli alimenti. Carrageenan non solo è utile come conservante, ma può anche essere aggiunto come addensante a prodotti come crema caffè e gelato per ottenere una consistenza più cremosa. Altri esempi di additivi diretti sono aromi naturali e artificiali, spezie e dolcificanti incorporati per un gusto migliore.

Un additivo diretto può anche essere utilizzato per migliorare o mantenere il valore nutrizionale. Un alimento può contenere vitamine e minerali aggiunti per migliorare il consumo di nutrienti del consumatore, per compensare quelle sostanze che si verificano naturalmente ma perse durante la lavorazione o per creare un prodotto più denso dal punto di vista nutrizionale.

Tutti gli additivi diretti devono essere opportunamente identificati sull’etichetta in conformità ai requisiti generali di etichettatura della FDA per gli ingredienti alimentari.

Conservanti chimici

La FDA definisce i conservanti chimici come “qualsiasi sostanza chimica che, quando aggiunta al cibo, tende a prevenirne o ritardarne il deterioramento, ma non include sale comune, zuccheri, aceto, spezie o oli estratti dalle spezie, sostanze aggiunte al cibo mediante esposizione diretta al fumo di legno, o sostanze chimiche applicate per le loro proprietà insetticide o erbicide (21CFR 101.22(a)(5))”.

Quando un conservante chimico è incluso in un’etichetta, l’elenco deve indicare il nome comune o abituale della sostanza chimica e che è un conservante con una descrizione come: “(conservante)” o una dichiarazione che indica anche la funzione, come “ _________ per promuovere la ritenzione del colore”.

Additivi incidentali

Gli additivi incidentali sono quelli che non hanno alcun effetto tecnico o funzionale su un alimento finito e sono presenti in livelli insignificanti. Di solito sono presenti perché sono stati un componente di uno degli ingredienti utilizzati negli alimenti (dove hanno avuto un effetto tecnico o funzionale) o perché sono stati utilizzati come coadiuvanti di lavorazione.

Gli ausili per la lavorazione sono definiti come 1) sostanze che vengono aggiunte a un alimento durante la lavorazione di tale alimento ma che vengono rimosse in qualche modo dal cibo prima di essere confezionate nella sua forma finita; 2) Sostanze aggiunte a un alimento durante la lavorazione, sono convertiti in costituenti normalmente presenti negli alimenti, e non aumentare significativamente la quantità dei componenti naturalmente presenti nell’alimento; o 3) sostanze che vengono aggiunte a un alimento per il loro effetto tecnico o funzionale nella lavorazione ma che sono presenti nel cibo finito a livelli insignificanti e che non hanno alcun effetto tecnico o funzionale in tale alimento (21 CFR 101.100(a)(3).

Qualsiasi sostanza conforme a queste definizioni può essere esente dalla dichiarazione nell’elenco degli ingredienti sull’etichetta del prodotto.

Additivi colore

Un additivo colorante è “qualsiasi colorante, pigmento o sostanza che, quando aggiunto o applicato a un alimento, farmaco o cosmetico, o al corpo umano, è in grado (da solo o attraverso reazioni con altre sostanze) di impartire colore”.

Gli additivi colorati possono essere utilizzati nei prodotti alimentari per compensare la perdita di colore, correggere le variazioni naturali del colore, migliorare i colori naturali o fornire colore agli alimenti incolori.

Gli additivi di colore “certificati” sono coloranti sintetici che devono essere sottoposti a certificazione ogni volta che viene prodotto un nuovo lotto. Gli additivi di colore “esenti” includono pigmenti provenienti da fonti naturali come verdure, minerali o animali. I colori esenti non sono soggetti ai requisiti di certificazione batch.

Alcuni additivi di colore esenti dalla certificazione possono essere elencati collettivamente come “colori artificiali”, “colori artificiali aggiunti”, “colori aggiunti”, “spezie” o una descrizione equivalente, senza nominare ciascuno di essi. Possono anche essere dichiarati per nome, con una dichiarazione come “colore con ___” o “_____ colore”.  Tuttavia, alcuni additivi coloranti allergenici come la carminia/l’estratto di coccinella devono essere identificati per nome sulle etichette degli alimenti. I colori che sono stati certificati in batch devono essere dichiarati per nome utilizzando il prefisso “FD&C” assegnato alla versione certificata di quel particolare colore, come FD&C Rosso N. 40.

Ottenere assistenza per la conformità FDA.

Gli specialisti normativi di Registrar Corp possono aiutarti a rivedere l’etichetta del tuo prodotto per verificarne la conformità alla FDA.

Per ulteriori informazioni, chiamaci al numero +1-757-224-0177, inviaci un’e-mail al numero info@registrarcorp.como chatta con un Consulente normativo 24 ore su 24 all’indirizzo www.registrarcorp.com/livechat.

Ottenete assistenza

Autore


Anna Benevente

Director of Labeling, Ingredient and Product Review

Highly regarded as a top expert on FDA labeling regulations, Anna Benevente continues to educate companies on existing regulations and updates from U.S. FDA for food and beverage, cosmetic, drug, and medical device products. She has researched thousands of products to determine whether they meet the FDA requirements for compliance. In addition, Ms. Benevente has conducted multiple seminars for trade and customs broker associations.

Related Article


Subscribe To Our News Feed

To top
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.