Autore

Anna Benevente

Director of Labeling, Ingredient and Product Review

Etichettatura basata su cheto, vegano o vegetale su alimenti e bevande

Giu 7, 2022

I consumatori statunitensi acquistano regolarmente prodotti alimentari e bevande per soddisfare gli standard nutrizionali stabiliti dalle diete più diffuse. Mentre le persone cercano di seguire queste linee guida in modo coerente, la domanda di prodotti aggiuntivi offre l’opportunità di espansione del mercato. Attualmente, tre delle diete più popolari negli Stati Uniti sono cheto, vegane e vegetali.

Ottenere assistenza per la conformità FDA.

Gli specialisti normativi di Registrar Corp possono aiutarti a rivedere l’etichetta del tuo prodotto per verificarne la conformità alla FDA.

Per ulteriori informazioni, chiamaci al numero +1-757-224-0177, inviaci un’e-mail al numero info@registrarcorp.como chatta con un Consulente normativo 24 ore su 24 all’indirizzo www.registrarcorp.com/livechat.

Ottenete assistenza

Sebbene molti alimenti e bevande riportino etichette che indicano che i prodotti soddisfano le linee guida nutrizionali per i consumatori che seguono diete a base di cheto, vegane e vegetali, cosa ha a che fare la Food and Drug Administration (FDA) statunitense con questi termini? Continua a leggere per informazioni sull’etichettatura dei prodotti alimentari commercializzati per queste diete.

Cheto

La dieta chetogenica, o cheto, è una dieta a basso contenuto di carboidrati, proteine moderate e ad alto contenuto di grassi. La FDA non regola i termini “cheto” o “chetogenico” sulle etichette degli alimenti. Tuttavia, le aziende che commercializzano questi prodotti devono essere a conoscenza del linguaggio relativo alle informazioni nutrizionali sulle etichette dei loro prodotti.

Uno dei tratti distintivi della dieta chetologica è il basso consumo di carboidrati. La FDA non dispone di normative che specifichino in che modo è possibile fare una dichiarazione di “carboidrato netto” o “carboidrato basso”. In generale, la FDA afferma che le aziende non possono fare “una dichiarazione che caratterizza espressamente o implicitamente il livello di un nutriente del tipo richiesto per l’etichettatura nutrizionale” a meno che la dichiarazione non aderisca alle normative di dichiarazione esistenti, che la FDA non ha per caratterizzare una bassa quantità di carboidrati. La FDA consentirà di dichiarare quantità quantitative a condizione che la dichiarazione non caratterizzi implicitamente il livello del nutriente, come “2 grammi di carboidrati per porzione”. In assenza di normative specifiche per le affermazioni sui “carburanti”, le aziende potrebbero ritenere che questo sia l’approccio più sicuro.

I consumatori che seguono la dieta cheto sono anche alla ricerca di livelli di grassi e proteine da moderati a elevati sulle etichette. “Alto” può essere elencato su un’etichetta alimentare, “a condizione che l’alimento contenga il 20 percento o più dell’RDI o del DRV per quantità di riferimento consumata abitualmente”. Le etichette dei prodotti alimentari possono anche includere una dichiarazione “alta” modificata se uno degli alimenti presenti nel pasto è idoneo. Una rivendicazione di “buona fonte” in relazione a un nutriente può anche essere possibile se è presente al 10-19 percento dell’RDI o DRV.

Molti consumatori che seguono la dieta chetologica calcoleranno l’assunzione di nutrienti. È consentito posizionare il livello di proteine, grassi e carboidrati in modo prominente sull’etichetta anteriore, a condizione che il contenuto sia elencato anche nelle modalità e nei luoghi richiesti dalla FDA su tutte le altre parti dell’etichetta.

Indipendentemente dalla presenza di dichiarazioni nutrizionali, tutte le etichette alimentari devono includere un pannello conforme di “fatti nutrizionali” che includa i livelli di carboidrati totali, proteine, grassi totali e altri nutrienti necessari.

Vegano

I prodotti vegani dichiarano di essere privi di tutti gli ingredienti e sottoprodotti animali. Il termine “vegano” non è regolamentato dalla FDA, ma si intende avere un certo significato sul mercato. È possibile che una quantità in tracce di un prodotto animale come i latticini possa finire in un prodotto vegano. Ad esempio, a gennaio 2022, il produttore alimentare Amy’s Kitchen ha avviato un ritiro volontario di Classe I di un macaroni vegano e di un prodotto a base di formaggio a causa del potenziale di avere tracce di latte, che non è stato dichiarato sull’etichetta del prodotto. Come prodotto animale, il latte invaliderebbe la comprensione comune di una dichiarazione “vegana”. Altre questioni complicanti erano lo stato del latte come principale allergene alimentare.

La FDA afferma che gli allergeni contenuti in un prodotto alimentare, ma non indicati sull’etichetta, sono una delle principali cause delle richieste della FDA di richiami di alimenti, e che il latte non dichiarato è la causa più comune. In senso stretto, il motivo per cui l’etichetta di Amy avrebbe violato le normative è che conteneva un ingrediente/allergene potenzialmente non dichiarato e la FDA richiede ai produttori di elencare tutti gli ingredienti inclusi in un prodotto alimentare sull’etichetta del prodotto. Se un ingrediente lattiero-caseario è incluso in un prodotto vegano ed è correttamente elencato secondo i requisiti della FDA, non violerebbe le normative della FDA, poiché l’agenzia non regola ciò che vegano significa che anche la

FDA non definisce termini di assenza come “senza latticini”, tranne quando il termine si applica al glutine. Queste affermazioni sono consentite sulle etichette, a condizione che le informazioni non siano fuorvianti.

Basato su piante

Coloro che seguono una dieta a base vegetale mirano a mangiare per lo più alimenti che sono minimamente lavorati e derivati da piante invece che da animali. La FDA non regola il termine “a base vegetale” sulle etichette e, poiché vi è molto dibattito su cosa significhi “a base vegetale”, vi è una mancanza di coerenza tra i prodotti che includono il termine sulle loro etichette.

Nel 2021, il Comitato interno per gli stanziamenti ha pubblicato una relazione che “incoraggi la FDA a fornire chiarezza sull’etichettatura degli alimenti di origine vegetale che utilizzano la terminologia tradizionale di carne, latticini e uova”. Il rapporto ha osservato che le etichette attuali che riportano tale terminologia possono essere fuorvianti o confuse per i consumatori. Il rapporto ha anche menzionato che alcuni prodotti alimentari “a base vegetale” affermano di contenere frutti di mare, ma nessun ingrediente di pesce effettivo è presente nel cibo.

Successivamente, la FDA ha osservato che attualmente intende sviluppare bozze di linee guida per “Etichettatura di alternative al latte a base vegetale” e “Etichettatura di alternative a base vegetale agli alimenti di origine animale”.

Ottenere assistenza per la conformità FDA.

Gli specialisti normativi di Registrar Corp possono aiutarti a rivedere l’etichetta del tuo prodotto per verificarne la conformità alla FDA.

Per ulteriori informazioni, chiamaci al numero +1-757-224-0177, inviaci un’e-mail al numero info@registrarcorp.como chatta con un Consulente normativo 24 ore su 24 all’indirizzo www.registrarcorp.com/livechat.

Ottenete assistenza

Autore


Anna Benevente

Director of Labeling, Ingredient and Product Review

Highly regarded as a top expert on FDA labeling regulations, Anna Benevente continues to educate companies on existing regulations and updates from U.S. FDA for food and beverage, cosmetic, drug, and medical device products. She has researched thousands of products to determine whether they meet the FDA requirements for compliance. In addition, Ms. Benevente has conducted multiple seminars for trade and customs broker associations.

Related Article


Subscribe To Our News Feed

To top
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.