Autore

Anna Benevente

Director of Labeling, Ingredient and Product Review

Differenziazione tra dichiarazione e standard di identità

Dic 7, 2018

L’Ente statunitense preposto alla tutela di alimenti e medicinali (Food and Drug Administration, FDA) richiede che tutte le etichette degli alimenti, delle bevande e degli integratori alimentari riportino dichiarazioni chiamate “dichiarazioni di identità”. Le aziende che tentano di rispettare questo requisito probabilmente incontreranno un termine simile chiamato “standard di identità”. I due sono strettamente correlati e la comprensione di ciò che deve essere incluso in una dichiarazione di identità può dipendere dalla conoscenza dello standard.

Che cos’è uno standard di identità?

Uno “standard di identità” definisce le proprietà, le caratteristiche e i requisiti di etichettatura specifici ai quali un prodotto alimentare deve conformarsi per essere identificato con un nome specifico.  Come minimo, uno standard di identità fornisce una descrizione della natura di base del cibo e il nome che deve essere utilizzato per identificarlo.  Può anche includere aspetti come ingredienti facoltativi inclusi nell’alimento e forme differenti in cui l’alimento può essere preparato.

Gli standard di identità spesso riflettono la tradizionale comprensione dei consumatori e le aspettative su ciò che costituisce un particolare alimento. Sono spesso implementati in risposta a situazioni di frode e inganno da parte dei consumatori. Ad oggi, la FDA ha stabilito quasi 300 standard di identità, molti dei quali risalenti all’inizio e alla metàdel XX secolo.

Ad esempio, 21 CFR 169.150 contiene lo standard di identità per la “condimento di sale”. Per essere etichettato come “condimento di sale”, un prodotto deve essere un alimento semisolido emulsionato composto da almeno il 30% di olio vegetale che contiene un ingrediente acidificante (ad es. aceto o succo di limone), un ingrediente contenente tuorlo d’uovo e una pasta amidacea preparata da amidi o farine specifiche.  La medicazione per insalata può anche contenere alcuni ingredienti opzionali come sale, spezie e acido citrico, alcuni dei quali hanno requisiti e restrizioni aggiuntivi.

Gli standard di identità sono recentemente diventati in prima linea a causa della pressione esercitata dall’industria lattiero-casearia da parte della FDA per far rispettare lo standard per il “latte” su prodotti a base vegetale che non sono conformi allo standard, come il latte di soia e il latte di mandorle. Il Dott. Scott Gottlieb, Commissario della FDA, ha reso dichiarazioni pubbliche affermando l’intenzione dell’agenzia di “modernizzare” gli standard per riflettere nuove conoscenze sulla nutrizione e incoraggiare l’innovazione nel settore alimentare.

Che cos’è una Dichiarazione d’identità?

Una “dichiarazione di identità” è una dichiarazione del nome di un alimento che deve essere visualizzata sul pannello principale (PDP) della sua etichetta.  Le normative FDA stabiliscono una gerarchia relativa alla denominazione degli alimenti:

  1. Se un alimento è conforme a uno standard di identità, il nome specificato nello standard funge da dichiarazione di identità del prodotto.
  2. Se il prodotto non è soggetto a uno standard di identità, la dichiarazione di identità deve essere il nome comune o abituale del cibo (ad es. “cracker”, “cookie”).
  3. In assenza di un nome comune, la dichiarazione può utilizzare un nome descrittivo appropriato o, se la natura del cibo è ovvia, un nome fantasioso comunemente compreso dal pubblico.

Alcuni alimenti possono avere requisiti di denominazione alternativi stabiliti in regolamenti separati, documenti guida o guide alla politica di conformità (CPG).  Per esempio, un CPG per i noodle di tipo asiatico determina che questi alimenti non possono essere etichettati esclusivamente come “noodle”, in quanto non sono conformi a tale standard di identità.  Tuttavia, il CPG consente alla dichiarazione di identità di contenere “noodle” se preceduto da termini qualificanti come “Cinese”, “Chow Mein”, “Giapponese” o “Ramen”.

Allo stesso modo, la FDA ha stabilito un CPG che consente l’etichettatura degli alimenti come “cioccolato” in sfida dello standard se gli alimenti contengono cacao come ingrediente aromatizzante e gli alimenti sono quelli che i consumatori non si aspettano contengano un ingrediente al cioccolato (ad es. budino al cioccolato).  Altre normative impongono restrizioni su alimenti non standardizzati come creme a base di arachidi, gamberetti impanati, bastoncini di pesce e miscele di succhi.

La conformità con la Dichiarazione della FDA e i Requisiti dello standard di identità della

FDA richiede che una dichiarazione di identità sia esposta in grassetto.  Deve essere “in una dimensione ragionevolmente correlata alla materia stampata più prominente” su tutti i PDP e “generalmente parallela alla base su cui poggia la confezione…” Un prodotto che non reca una dichiarazione di identità conforme è considerato “smarrito”.

Inoltre, anche un alimento commercializzato come prodotto che ha uno standard di identità ma non è conforme a tale standard è considerato con marchio errato. Ad esempio, la FDA ha emesso una lettera di avvertimento a Hampton Creek Foods, Inc. nel 2015 per la commercializzazione di un prodotto come “mayo” che non soddisfaceva lo standard di identità della FDA per la maionese.  Il marketing di prodotti alimentari con marchio errato negli Stati Uniti è un atto vietato che può essere soggetto a detenzione, rifiuto e altre azioni normative.

Evitare violazioni prevenibili delle etichette alimentari.  Gli Specialisti normativi di Registrar Corp sanno quali prodotti hanno standard di identità, i loro requisiti e il formato per le dichiarazioni di identità conformi.  Il servizio di revisione delle etichette di Registrar Corp fornisce un rapporto completo delle revisioni raccomandate per la vostra etichetta e una versione pronta per la stampa, in conformità con le regole di etichettatura aggiornate della FDA.  Per ulteriori informazioni, chiamaci al numero +1-757-224-0177 o chatta con un consulente normativo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, all’indirizzo www.registrarcorp.com/livehelp.

Autore


Anna Benevente

Director of Labeling, Ingredient and Product Review

Highly regarded as a top expert on FDA labeling regulations, Anna Benevente continues to educate companies on existing regulations and updates from U.S. FDA for food and beverage, cosmetic, drug, and medical device products. She has researched thousands of products to determine whether they meet the FDA requirements for compliance. In addition, Ms. Benevente has conducted multiple seminars for trade and customs broker associations.

Related Article


Subscribe To Our News Feed

To top
This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.